A Bolsena c'è un locale tutto da scoprire dove puoi trascorrere piacevoli serate, gustando le nostre pizze, le piadine, le carni, gli antipasti e i nostri dolci. Il ristorante effettua anche il sevizio di wine-bar e rhumeria con i migliori rum di tutto il mondo. Il locale sorge sui resti di un tempio etrusco dedicato alla Dea Norzia e di antiche terme romane. All'interno è possibile ammirare un autentico mosaico romano e le arcate del tempio

cena e dopocena al tempio...

possibilità di ospitare compleanni e feste,

per gruppi numerosi, aperto anche a pranzo

(c) 2001 Tempio di Norzia tutti i diritti riservati P.I. 01684530569 - design by Francesco

internet gratuito all’ interno del locale

Il culto della Dea Norzia, divinità del pantheon etrusco, nasce proprio a Volsinii, Bolsena, e da qui si diffonde. I riti ed il culto a Lei dedicati sono avvolti da mistero, le poche certezze a riguardo derivano da testimonianze letterarie ed epigrafiche. Tito Livio ci narra lo svolgimento del clavum pangere, rito estremamente suggestivo che si svolgeva alle Idi di settembre proprio nel tempio della Dea in Volsinii quando, il più alto magistrato della città infiggeva nella parete sacra il chiodo annale. L'adempimento del clavum pangere corrispondeva al capodanno ed oltre a numerare gli anni sanciva il fatale tentativo di fissare l'inarrestabile scorrere del tempo. I Romani trasferirono il rito in Roma e precisamente nella cella destra del tempio di Giove Capitolino. I tentativi di identificare il santuario della Dea con uno dei templi nei pressi di Bolsena rimangono oggi allo stato di ipotesi. Nel Settecento Andrea Adami , storico bolsenese, nella sua Storia di Volseno, identificò il tempio con i ruderi della terma romana a ridosso della chiesina del S.S. Crocifisso, dandone una precisa descrizione sia letteraria che figurativa. I frati di San Francesco di Paola , già nel 1573 avevano richiesto ed ottenuto dal Comune di Bolsena il permesso di stabilirsi ed ampliare la piccola abitazione edificata insieme alla chiesina del S.S. Crocifisso a ridosso dei ruderi. Tali lavori comportarono la costruzione di quattro nuove celle ed il restauro della chiesa. Nel 1600 i francescani lasciarono il piccolo convento per cederlo agli agostiniani ma, undici anni più tardi, vi ritornarono riprendendo l'opera di ampliamento e di restauro. Soltanto nel Novecento la proprietà, compresi i ruderi romani, passò in mani private e si diede inizio alla costruzione di un grande palazzo che inglobò tutte le strutture esistenti. Il palazzo Mazziotti si snoda infatti attorno all'esedra della terma accorpando la chiesa, il convento e le grandi arcate romane. Lo spazio a piano terra ospiterà in seguito la premiata casa vinicola Italo Mazziotti mentre i restanti piani saranno utilizzati come abitazione dalla famiglia stessa. Stando ora seduti nel Tempio della Dea Norzia potrete facilmente percepire questa stratificazione storica e, tra i mosaici romani, le arcate delle navate della chiesa e le celle del convento, gustare le specialità etrusche del Tempio. 

Largo Mazziotti n°4, Bolsena (VT)

0761/797152  -  347/6155820

info@tempiodinorzia.it

MENU TURISTICO PER GRUPPI
menu di terra o di mare/lago
possibilità di apertura anche a pranzo
menu personalizzati
la sera anche pizzeriamenu.html
TURIST BOAT
NAVIGAZIONE 
ALTO LAZIO
traghetti per escursioni in giro per il lagohttp://livepage.apple.com/

Largo Mazziotti n°4, Bolsena (VT)

0761/797152  -  347/6155820

giorno di chiusura:

MARTEDI - MERCOLEDI - GIOVEDI


aperto dalle 18:00:

LUNEDI - VENERDI - SABATO - DOMENICA

TUTTI I FESTIVI E PREFESTIVI

aperto anche il

LUNEDI